Pallamano donne A1 – Lo Scinà ospita sabato la capolista Conversano

Scinà in azione 230114

Arriva la capolista Conversano, arriva un altro compito duro per lo Scinà. La matricola palermitana ospiterà sabato al PalaOreto di via S. Maria di Gesù la prima della classe, sia pure in condominio con Salerno, nella partita di cartello della terza giornata di ritorno del massimo campionato nazionale di pallamano femminile.

La partita sarà arbitrata da Campochiaro e Castagnino ed inizierà alle 18 mettendo in palio tre punti importantissimi. Le rosanero, reduci dall’importante successo di Sassari di sabato scorso (che ha fatto il paio con la vittoria sul Mestrino), sono terze con 14 punti in piena zona play-off grazie ad un avvio di girone di ritorno decisamente positivo.
Un risultato impensabile alla vigilia e c’è tantissimo entusiasmo anche per questa che sulla carta è una sfida impossibile.

Anche il Conversano, però, sta vivendo un gran momento visto l’importantissimo successo ai danni delle campionesse in carica del Salerno e l’ampio successo interno contro il Casalgrande. I numeri, inoltre, sono tutti dalla loro parte: miglior attacco con 289 gol segnati e difesa meno battuta con 199 reti subite in 9 partite.

Dal canto suo, la squadra allenta da Salvo Cardaci e Silvia Di Dio punta a recuperare le acciaccate per tentare di contrastare la corazzata pugliese costruita per vincere lo scudetto.
Quattro le azzurre nella rosa delle ospiti: la veterana Barani e le giovani Piffer, Landri e Rotondo, più una cubana dalla media realizzatrice altissima ed il tecnico, la bosniaca Sejmenovic, con un passato illustre da giocatrice fanno del Conversano un sette davvero forte capace di vincere 8 delle 9 partite fin qui disputate scivolando solo col Cassano Magnago.

Tania Marino, ala dello Scinà, e Salvo Cardaci, tecnico, parlano delle avversarie:

“Se dovessimo guardare solo ai cognomi delle nostre avversarie è chiaro che non partiamo con i favori del pronostico – ammette con sincerità la giovane ala – ma in casa nostra e non avendo proprio nulla da perdere, vogliamo provare a mettere le nostre avversarie in difficoltà. Abbiamo studiato nel dettaglio il loro gioco e siamo convinte di poter disputare una buona partita e di poterle mettere in difficoltà”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il pensiero del tecnico dello Scinà Salvo Cardaci che aggiunge:

“Conversano è sicuramente una delle squadre più accreditate per la vittoria dello scudetto, ma proprio il confronto con la prima della classe dovrà fornirci delle motivazioni in più per provare a non sfigurare e magari approfittare di qualche loro calo di tensione. La sfida, lo sappiamo tutti, è difficile ma non impossibile e pur consapevoli del gap tecnico vogliamo giocarci le nostre chance”.

All’andata, giocata lo scorso 2 novembre, il Conversano ebbe la meglio sulla matricola palermitana per 32-22 (la peggior sconfitta della squadra del Villaggio S. Rosalia finora). Al PalaOreto potrebbe essere tutto diverso.
Il turno, sulla carta, potrebbe essere tutto sommato favorevole alle rosanero. Se è vero che il Cassano Magnago, quarto con 2 punti in meno rispetto alle palermitane, è in casa del Casalgrande Padana, ultima in classifica ma battagliera che in caso di vittoria potrebbe riaprire i giochi addirittura per l’accesso ai play off visto la classifica cortissima, l’Ali Mestrino, quinto in classifica con 10 punti, ospita le campionesse del Salerno.

Enhanced by Zemanta