• Home »
  • Copertina »
  • Pallamano donne A1 – Al PalaOreto il big match tra Scinà e le campionesse d’Italia del Salerno

Pallamano donne A1 – Al PalaOreto il big match tra Scinà e le campionesse d’Italia del Salerno

Scinà palermo time out

E’ la partita di cartello ed è uno di quei match che può decidere una stagione. Una sliding doors da attraversare per vivere intensamente sessanta minuti in cui ci si gioca moltissimo.
Si può racchiudere in queste parole lo scontro tra Scinà e le campionesse d’Italia del Salerno che si giocherà domani (sabato 15 febbraio alle 18, arbitri Politano e Reale) al PalaOreto di via S. Maria di Gesù. Di fronte, la matricola rosanero, terza e rivelazione assoluto di questo torneo, e le campane prime (in coabitazione col Conversasno), nel match valido per la tredicesima, e penultima, giornata della stagione regolare del massimo campionato nazionale di pallamano femminile.

E sono proprio le rosanero allenate da Salvo Cardaci a giocarsi tantissimo perché una vittoria, anche ai rigori, darebbe la certezza di una storica qualificazione alla poule scudetto.

Un risultato insperato alla vigilia della stagione con il club palermitano, neo promosso dalla serie A2, che in sede di campagna acquisti ha cambiato veramente poco inserendo in una rosa molto affiatata due atlete serbe con notevole esperienza in A1 (Natasa Miladinovic ex di turno e Ljubica Ceklic) ed il giovane portiere ennese di belle speranze come Marta Savoca.
A guidare il gruppo è stato chiamato Salvo Cardaci (ex Regalbuto maschile e femminile, Messana e Handball4Enna) che insieme alla storica allenatrice della formazione del Villaggio di S. Rosalia, Silvia Di Dio, ha saputo amalgamare il gruppo. I risultati sul campo hanno, finora, dato ragione al club.

Partite per cercare la salvezza ai play-out, Sardisco, Marino, Nangano, Pizzo, Dell’Orzo, le sorelle Raccuglia e compagne sono stabilmente dalla prima giornata nei quartieri alti della classifica, dominata dalle due super favorite Salerno e Conversano. E proprio la sfida alle salernitane guidate dall’esperto Giovanni Nasta potrebbe regalare l’enorme soddisfazione di centrare un risultato di prestigio che in Sicilia manca dal lontano 2001.

“La gara è certamente più importante per noi che per loro – sottolinea il vice presidente dello Scinà, Michele Mondello – poiché la partita decisiva per loro è quella della prossima settimana contro Conversano. Vincere o perdere per entrambe le capolista nella penultima giornata del campionato, infatti, significa ben poco se poi si registrasse un ko nel loro scontro diretto. In ogni caso non ci aspettiamo niente e sappiamo che le motivazioni delle salernitane saranno grandissime. Per quanto ci riguarda, invece, sappiamo di non aver nulla da perdere e proveremo a giocarci le nostre chance, così come abbiamo già fatto nella gara di andata persa di misura a Salerno”.

Quasi sulla stessa lunghezza d’onda il commento del tecnico dello Scinà Salvo Cardaci, già intervistato da noi, che aggiunge:

“Da qualche giornata stiamo evitando di fare calcoli – ammette con sincerità il tecnico originario di Regalbuto – puntualmente ogni settimana arriva qualche risultato a sorpresa dai vari campi e la quota play-off aumenta o diminuisce. Al termine della stagione regolare mancano appena due giornate e sappiamo che per essere sicuri di ottenere una delle prime quattro piazze occorrono ancora due o tre punti. Non sarà facile conquistarli – conclude mister Cardaci – ma questo campionato ha dimostrato di essere assai imprevedibile e allora alle nostre ragazze dico di scendere in campo serene senza pensare alla forza delle avversarie, ma solo alla possibilità che realmente abbiamo di ottenere un risultato su cui nessuno, ad inizio stagione, avrebbe scommesso”.